Lungo la strada

Andare in basso

Lungo la strada

Messaggio Da thebard il Dom Mag 15, 2011 9:34 am

Erano passati pochi giorni da quando il gruppo tingardiano si era rimesso in marcia verso la propria terra. Gli strani eventi accaduti nel reame degli spiriti erano ancora ben vivi e presenti nella mente dei compagni, che però non ne discutevano ormai più, salvo qualche raro accenno. Avevano portato a termine il loro compito, e questo li rendeva fieri. Sapevano di poter rientrare a Tingard a testa alta, questo era l'importante. Tuttavia è difficile credere che nella mente dell'Impiccato le riflessioni su quell'esperienza non avessero la meglio, così come per Northri, Wani, Fiamma, Fenris e Nihall. Ognuno di loro, in maniera del tutto personale, aveva sperimentato sé stesso e si era confrontato con qualcosa. Per alcuni un sentimento, per altri una fede, o persino un primo passo per comprendere meglio l'intima natura della propria esistenza.

Attorno al fuoco aleggiava un leggero odore delle erbe aromatiche utilizzate per cucinare. La fiamma danzava senza sosta, accarezzata dalla brezza serale. La luce delle stelle donava chiarore alla pianura attorno. Mancavano poche notti affinché la luna, bianca madre, si rivelasse nel suo completo splendore.

L'Impiccato stava montando la guardia, intagliando un pezzo di legno con mano esperta.

Il mannaro tirò fuori il naso dal corto mantello, col quale si era coperto alla bell'e meglio.
Scrollando il capo, Nihall si mise a sedere, cercando di non fare rumore.

Piano, cominciò a radunare i suoi oggetti, infilando in una sacca di pelle il pugnale, e i vari pezzi dell'armatura,..

avatar
thebard
Endemico
Endemico

Messaggi : 1610
Data d'iscrizione : 20.03.11
Età : 29
Località : Marostica (VI)

Foglio di personaggio
Nome del Pg: Nihall Occhio di Tuono

http://www.angelofaresin.net

Torna in alto Andare in basso

Re: Lungo la strada

Messaggio Da thebard il Mar Mag 17, 2011 1:14 pm

Infilati i suoi effetti nella sacca, si cinse la cintura con la faretra sopra il panno che gli copriva il corpo tra l'addome e le ginocchia. Si alzò in piedi, odorando l'aria circostante, ed effettuò qualche gesto, per risvegliare la propria muscolatura. Osservò il cielo, un istante, poi l'Impiccato, rimasto in silenzio fino a quel momento.

"Devo andare."
disse, semplicemente, alzando la mano inguantata di bianco verso l'astro lunare.

"Ci rivedremo presto a Tingard, se Nehalenia vuole"

Così, con un rapido sorriso, si chinò a prendere l'arco e poi volse la schiena all'accampamento e incamminandosi verso nord, sparendo dopo pochi minuti dietro a una macchia d'alberi. Per qualche istante ancora, il vento portò il suono di un canto di cammino.

avatar
thebard
Endemico
Endemico

Messaggi : 1610
Data d'iscrizione : 20.03.11
Età : 29
Località : Marostica (VI)

Foglio di personaggio
Nome del Pg: Nihall Occhio di Tuono

http://www.angelofaresin.net

Torna in alto Andare in basso

Re: Lungo la strada

Messaggio Da thebard il Lun Mag 23, 2011 9:51 pm

Quel mattino si sveglio' presto, quando i raggi della prima alba colpirono le sue palpebre. L'aria odorava di erba secca, di selvatico e di vita.
Nihall guardo' all'interno del piccolo edificio in pietra davanti al quale si era addormentato. Gli ospiti adagiati su letti di paglia dormivano ancora profondamente, le tende bianche non lasciavano che il giorno li disturbasse.

Dopo essersi stiracchiato al sole, il mannaro assunse la posizione eretta. Si reco' verso il pozzo, poco a sud verso il bosco, e attinse un grosso secchio d'acqua. Sollevandolo senza sforzo, attento a non perdere il liquido prezioso, si avvio' verso il piccolo edificio, dal quale venne fuori una giovane dai capelli biondi. Sorridendo, prese l'acqua, e la portò all'interno del piccolo tempio di Nehalenia. Le bende da cambiare, le ferite da pulire, e i panni da inumidire. La giornata ricominciava.

Poco dopo torno' al pozzo, da cui attinse di nuovo, lappando avidamente l'acqua, il guanto bianco e quello nero, bagnati, a tergere la polvere dal volto. Il canto degli uccelli rasserenava l'aria.

Lo sguardo del lupo cadde sulle braccia e il costato, coperto ancora di cicatrici. Erano già passati molti giorni da quell'esperienza a Fortalena. Il pensiero andò ai compagni, che probabilmente erano già rientrati a casa da un po'.

Entro' dunque nel tempio, facendo attenzione. I malati e i feriti stavano notevolmente meglio: di rado rimanevano al tempio piu' di un paio di giorni, tanto bastava infatti affinché trovassero le giuste cure. Giunse al muro di fondo, innanzi a una nicchia con dentro l'effige scolpita di una donna con un'ancora ai piedi, sotto la quale stavano della frutta e delle ossa, su una lastra di marmo.

Si volse verso la giovane veleda di Nehalenia, che gli porse la sua sacca, il suo arco e la faretra.

"Grazie per la tua guida, sorella.."

La giovane porto' un dito davanti alle labbra, poi sorrise e lo abbraccio'.

Il mannaro si cinse la faretra alla vita, prese in spalla la sacca di pelle, e si avvio' verso la porta.

Prima di uscire, si chino' sull'ultimo giaciglio, ad osservare un fanciullo biondo, scampato ad un incendio per miracolo.

Nihall gli prese il piccolo braccio con la mano sinistra, si chino' su di lui, e gli sussurro' alcune parole. Fatto ciò, uscì dal tempio, mentre le ustioni scomparivano dal corpo del bambino.

avatar
thebard
Endemico
Endemico

Messaggi : 1610
Data d'iscrizione : 20.03.11
Età : 29
Località : Marostica (VI)

Foglio di personaggio
Nome del Pg: Nihall Occhio di Tuono

http://www.angelofaresin.net

Torna in alto Andare in basso

Re: Lungo la strada

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum